“La zucca” dalla rubrica InformaBio su Amazing Puglia, il magazine delle eccellenze pugliese

Nutrizionista coach

Storia e proprietà della zucca

Dal latino cocutia che significa testa, la zucca è di origini antichissime, fu portata in Italia da Cristoforo Colombo, la cosa curiosa è che nelle varie fasi di evoluzione del suo nome ci siamo anche noi pugliesi, infatti dopo cocutia divenne cocuzza (termine ancora molto utilizzato nei dialetti delle nostre città) per poi diventare definitivamente zucca.

Di qui per etimologia e forma la zucca riveste il ruolo di regina nell’espressione di alcuni concetti molto frequenti nelle nostre conversazioni, come ad esempio “avere sale in zucca” dove la zucca rappresenta la testa ed il sale il suo condimento cioè intelligenza e ingegno. “Avere la zucca vuota” o “essere senza sale” invece significa privi di intelligenza. Infatti prima ancora di essere utilizzate per Halloween, in passato le zucche venivano svuotate, fatte essiccare ed utilizzate come contenitori per il sale, latte o cereali.

Nonostante sia un cibo molto semplice, la zucca grazie al suo contenuto di vitamina A, C, E, folati, antiossidanti è ricca di benefici che rinforzano il nostro sistema immunitario, potenziano la salute della vista e della pelle e ci proteggono dal rischio di malattie cardiovascolari, il tutto in sole 18 calorie che la rendono facilmente utilizzata anche nelle diete ipocaloriche. La necessità del nostro corpo è quella di poter beneficiare di quanto madre natura ci offre generosamente in ogni stagione, motivo per cui come tutti gli alimenti il consiglio è di farne un uso moderato, alternato stagionale e biologico.

Nutrizionista coach

Calorie 

100 gr di zucca contengono all’incirca 18 kcal

Stagionalità

Da fine Agosto, inizi Settembre a Gennaio

Conservazione e utilizzi della zucca

Possiamo preservare la zucca intera per mesi se conservata adeguatamente, quando invece è aperta è consigliabile metterla in frigo ed utilizzarla nel giro di qualche giorno. E’ un ortaggio che si presta a preparazione di infinite ricette non solo salate ma anche dolci, dalla classica vellutata ai risotti, minestre, minestroni, grigliate, dadolate in padella e al forno, gnocchi, pancake, confetture, … e qui la lista è davvero lunga.

Esistono diversi tipi di zucca e spesso la difficoltà è quella di privarla della buccia, a tal proposito quando abbiamo una zucca di piccole o medie dimensioni un suggerimento è quello di lavarla e cuocerla intera in forno fino a quando non riusciamo a inserire i rebbi della forchetta, capiremo così che è cotta e ci basterà aprirla, prelevarne facilmente la polpa e utilizzarla direttamente per le nostre preparazioni.

Ricetta x 4 persone

Nutrizionista coach

Risotto con zucca e funghi

BioIngredienti 

  • Una fetta di zucca
  • 10 funghi champignon o altro tipo a scelta
  • Mezza cipolla rossa di Acquaviva 
  • Uno spicchio di aglio
  • Prezzemolo
  • Olio 
  • Sale e pepe q.b.
  • 300 gr di riso

Procedimento per la preparazione del risotto con zucca e funghi

Per prima cosa pulire e lavare cipolla e aglio, tritarli e farli appassire in casseruola con un filo di olio evo, subito dopo aggiungiamo la zucca che avremo sbucciato e tagliato a dadini, facciamo rosolare un pò, aggiungiamo una tazza di acqua, copriamo e lasciamo cuocere a fiamma bassa. Nel frattempo puliamo e sminuzziamo i funghi per poi inserirli in casseruola con un rametto di prezzemolo.

Aggiungiamo il riso per poi finire la cottura per assorbimento continuando a mescolare e aggiungendo volta per volta del brodo vegetale. Serviamo questo piatto autunnale con un filo di olio evo crudo delle nostre terre, una spolverata di prezzemolo e una di pepe appena macinato.    

Se vuoi sperimentare altro con la zucca, qui trovi la ricetta per realizzare un gustoso tortino.

L’approfondimento della Naturopata

I benefici della zucca non finiscono qui, infatti possiede al suo interno i semi e al suo esterno i fiori entrambi molto apprezzati. I semi di zucca fanno parte dei semi oleosi e come tali sono suggeriti per la salute cardiovascolare e in caso di colesterolo e glicemia. Riducono infiammazioni e migliorano il sonno, non hanno controindicazioni si sconsigliano solo in caso di colon irritabile. Molto utilizzati nelle insalate, nei primi e secondi piatti e nei prodotti da forno come pane, crackers, grissini e focacce.

I fiori di zucca non sono da meno, infatti si prestano a ricette delicate e sfiziose le nostre tipiche pugliesi sono i fiori di zucca fritti e ripieni, poi li troviamo anche al forno, nei primi piatti, in tortini e sformati. Leggeri e digeribili sono uno scrigno di proprietà benefiche da valorizzare che vanno dal potenziamento del sistema immunitario alla protezione dell’organismo su più fronti, come ad esempio stimolano la formazione di enzimi riparatori che servono nei processi di autoguarigione del corpo creando quindi un vero potere protettivo verso le cellule.

“Una zucca è dolce, una carota è dolciastra, un pomodoro è aspro il giusto, un broccolo leggermente amaro e una cipolla dolce e pungente.

Con le verdure puoi creare una sinfonia di sapori come con nessun altro cibo.”

Cerchi un supporto tecnico e informativo per la tua azienda?

Scrivi a :mirella@informabio.it, scopri cosa posso fare per te!

Articolo pubblicato nella mia rubrica InformaBio su Amazing Puglia. magazine n.24

Lascia un commento